REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 1.01.2012
 
INDICE
·       1. Modalità e criteri di ammissione ai corsi
·       1.1 Domanda e documentazione
·       1.2 Procedure di valutazione
·       1.3 Iscrizione con riserva
·       2. Ammissione agli anni successivi e diploma
·       3. Analisi Personale
·       4. Sospensione della partecipazione e passaggio di training o ad altra Sede
·       5. Passaggio da altra Scuola riconosciuta
·       6. Tasse di frequenza
·       7. Docenza dei corsi
·       8. Corsi teorici
·       8.1 Articolazione degli insegnamenti
·       8.2 Aree didattiche e insegnamenti
·       8.3 Anno di corso e insegnamenti
·       9. Incompatibilità nei ruoli e funzioni
·       9.1 Supervisioni integrative
·       10. Modalità di elezione dei rappresentanti degli allievi al C.D.S.
·       11. Ammissione nuovi training CDS di Sede
·       12. Norma Generale
Allegato:  Tasse per l’anno accademico
 
 
1. Modalità e criteri per l’immatricolazione alla Scuola.
1.1. Domanda e documentazione
L'ammissione al 1° anno di corso viene deliberata da ogni Consiglio Direttivo di Sede (C.D.S.) tenendo conto di quanto previsto all’art.15 dell’Ordinamento della Scuola C.O.I.R.A.G. L’articolo viene qui riportato: 
Possono presentare domanda di ammissione alla Scuola, presso una delle Sedi, i laureati in Psicologia o in Medicina e Chirurgia iscritti ai rispettivi Albi. Possono inoltre presentare domanda di ammissione:
·           coloro i quali, in possesso di una delle due predette lauree, non siano ancora iscritti all’Albo, ma con la riserva, in caso di ammissione di iscriversi immediatamente.
·           coloro i quali non abbiano ancora sostenuto l’Esame di Stato, con il vincolo, in caso di ammissione, di conseguire l’abilitazione professionale entro la prima sessione bandita successiva all’inizio dei corsi e di iscriversi all’Albo, pena la decadenza dalla Scuola.
Il concorso di ammissione ai posti disponibili prevede una valutazione dei titoli di studio, dei titoli scientifici, dei titoli professionali e accademici, insieme ad una valutazione delle attitudini e delle esperienze di analisi personale individuale o di gruppo. 
I candidati in possesso dei requisiti previsti dal citato art.15 dell’Ordinamento, dovranno presentare apposita domanda scritta di iscrizione al 1° anno di corso presso una delle Sedi  della Scuola. Nella domanda dovrà risultare presso quale Organizzazione Confederata che insiste presso la Sede  stessa, optino di svolgere la didattica professionalizzante di cui all’art.16, capo 3.2, comma a,  dell’Ordinamento    
La domanda dovrà essere corredata da: 
a) copia di un documento di identità e due fotografie formato tessera del candidato 
b) certificato di laurea con menzione degli esami sostenuti 
c) certificato di Iscrizione all’Ordine o certificazione del tirocinio in corso, con dichiarazione di consapevolezza di dover conseguire l’abilitazione entro la prima sessione bandita, pena la decadenza dall’iscrizione alla Scuola, senza rimborso di quanto corrisposto fino al momento dell’interruzione. 
d) tesi di laurea ed eventuali pubblicazioni a stampa o in fotocopia, se attinenti. 
e) qualsiasi altra certificazione atta a documentare l’esperienza del candidato 
  
I termini di scadenza per le domande di ammissione possono essere definiti da ciascun Consiglio Direttivo di Sede, comunque non oltre il 15 dicembre precedente l’inizio delle attività dell’anno accademico.
 
1.2. Procedure di valutazione:
Le procedure di valutazione per l’ammissione al 1° anno di corso vengono svolte nell’ambito di ciascuna Sede, tramite apposita commissione deliberata dal Consiglio Direttivo di Sede. 
La commissione in seduta plenaria deve preliminarmente definire l’affinità tra gli insegnamenti curriculari di ciascun candidato e le aree deliberate. Qualora più insegnamenti curriculari cadano in un’area se ne devono utilizzare uno e uno solo, quello con la votazione maggiore. La commissione deve inoltre procedere alla valutazione di merito della tesi e delle pubblicazioni. 
I candidati inseriti in graduatoria, eccedenti rispetto al numero di posti disponibili nella Sede presso la quale hanno fatto domanda, possono, nel medesimo anno accademico, richiedere l’iscrizione ad altra Sede, se in questa vi sono posti vacanti, senza effettuare una nuova selezione, ma utilizzando come valido il punteggio raggiunto nella precedente graduatoria. Svolgeranno la didattica professionalizzante, presso l’OC indicata nella domanda, se presente nella nuova Sede, oppure optare per un’altra OC attiva nella Sede presso la quale hanno chiesto di essere ammessi come candidati in esubero. 
A) Valutazione dei titoli 
Ogni anno il Consiglio Nazionale dei Docenti definisce cinque aree curriculari che entrano nella valutazione. 
Per il voto di ogni insegnamento, compreso a giudizio della commissione nell’area deliberata, si applica la seguente tabella:
·       trenta e lode: punti 5
·       trenta: punti 4
·       ventinove: punti 3
·       ventotto: punti 2
·       ventisette: punti 1
 
Per il voto di laurea si applica la seguente tabella equivalente alle norme di legge:
·       centodieci e lode: punti 5
·       centodieci: punti 4
·       centotto-centonove: punti 3
·       centosei-centosette: punti 2
·       centouno-centocinque: punti 1
30 punti 
B) Curriculum 
- Esperienze lavorative e/o formative se attinenti, punteggio conseguito all’esame di stato, ecc. 
- Pertinenza della tesi di laurea e pubblicazioni se attinenti 
15 punti 
C) Prova orale. 
La prova orale, è finalizzata valutare l'idoneità dei candidati attraverso la raccolta elementi di conoscenza delle motivazioni, delle attitudini e delle esperienze degli stessi, allo scopo di valutare il grado delle loro conoscenze ed il grado di congruenza delle loro attese con la possibilità di sviluppo delle competenze promosse dalla Scuola stessa. 
25 punti 
Le prove orali sono effettuate da sottocommissioni formate da almeno 2 commissari, congiuntamente riuniti in tempi e luoghi stabiliti. La commissione valuta in riunione plenaria tenendo conto dei giudizi espressi dai commissari. 
La commissione redige il verbale di ogni prova e la graduatoria finale che sottopone per delibera al Consiglio Direttivo della Sede. 
Dopo che l’esito delle procedure di ammissione verrà comunicato ai candidati, l’immatricolazione sarà perfezionata col pagamento della prima rata delle tasse annuali e la dichiarazione di presa visione dell’Ordinamento e Regolamento della Scuola, il cui testo sarà consegnato a cura della Sede. Gli allievi, immatricolati che intendono ritirarsi dalla Scuola dopo il primo di marzo, sono tenuti al pagamento della tasse dell’intero anno di corso.
1.3. Iscrizione con riserva
Gli allievi iscritti con riserva per non aver sostenuto l’Esame di Stato al momento dell’immatricolazione decadono dall’iscrizione alla Scuola se non superano l’esame nella prima sessione bandita dopo l’immatricolazione stessa. Ne devono dare immediata comunicazione al Direttore di Sede. Ogni attività didattica frequentata risulta nulla. Devono sostenere nuovamente l’esame di ammissione alla Scuola. Se nuovamente immatricolati sono tenuti all’ integrazione della quota dell’anno precedente. 
Gli allievi iscritti con riserva che superino l’Esame di Stato sono tenuti a darne immediata comunicazione al Direttore della Sede ed a iscriversi entro 30 giorni al rispettivo Ordine Professionale. Il certificato di iscrizione all’Albo va immediatamente consegnato alla sede. Per tali soggetti, viene sciolta la riserva ed il diploma di specializzazione può essere conseguito nei quattro anni regolari, cioè conteggiati dalla data di iscrizione al corso di specializzazione.
 
2. Ammissione agli anni successivi e all’esame di diploma.
L’ammissione agli anni successivi al primo, nonché all'esame finale di diploma, è subordinata alla valutazione del profitto, della partecipazione e dello sviluppo di competenze relative ai programmi formativi previsti. 
Gli elementi di valutazione verranno espressi, sulla base di definiti parametri collegati con gli obiettivi relativi a ciascuna Unità Didattica, dai docenti responsabili delle singole attività. 
Il Consiglio di Sede, sulla base delle registrazioni di presenza e degli elementi formali di valutazione raccolti, formulerà per ciascun allievo una valutazione globale che verrà espressa in voti con un massimo di 50/50 e un giudizio di ammissione all'anno successivo. Per quanto attiene al voto di ammissione all'esame di diploma, il calcolo andrà fatto sulla media dei voti dei 4 anni. Il parere negativo del Responsabile del Training impedisce comunque l’iscrizione all’anno successivo. Tale parere deve essere documentato per esteso come relazione scritta, comunque discusso in CDS e inviato all’allievo. La relazione deve essere controfirmata dai docenti del training OC che hanno lavorato con l’allievo. Gli esami sostenuti rimangono validi e non viene richiesta ulteriore frequenza ai corsi. Qualora la valutazione del Responsabile del Training fosse negativa per due anni consecutivi, l’allievo verrà escluso dalla prosecuzione della scuola. Tale norma è applicabile, a partire dal 1.01.2010 a tutti gli allievi in corso e a quanti verranno iscritti alla scuola
Non potranno essere ammessi ad anni successivi allievi che non abbiano frequentato almeno il 70 % delle attività formative (escluso il tirocinio) previste dai programmi dell’anno in corso, oltre almeno 150 ore di tirocinio. Si specifica il concetto di 70%:
·       70% del numero complessivo delle ore previste per gli insegnamenti teorici
·       70% del numero complessivo delle ore previste per gli insegnamenti ed attività dell’area professionalizzante a carico delle Organizzazioni Confederate.
La partecipazione al Workshop Nazionale è obbligatoria. La valutazione verrà espressa esclusivamente nei confronti di coloro che parteciperanno a tutte le unità di lavoro di ciascun WS. La mancata valutazione, nei casi di assenza a qualche unità del WS comporterà una penalizzazione in sede di valutazione complessiva annua.
Eccezione per quanto concerne la plenaria iniziale: l’allievo, all’arrivo, è tenuto a segnalare al Coordinatore dell’anno  l’eventuale ritardo e la valutazione sarà possibile solo nel caso in cui l’allievo abbia partecipato al piccolo o al median group che segue la plenaria.
L’assenza ad un intero WS va recuperata con la partecipazione al WS mancato nell’anno successivo. Qualora il recupero coincidesse con le lezioni di sede o del training, le ore di assenza a tali lezioni andranno conteggiate all’interno del 30% delle ore di assenza concesse per ciascun anno.
La mancata partecipazione a più di un WS costituisce impedimento all’ammissione alla discussione della tesi di diploma.
Nel caso di non ammissione, gli allievi sono tenuti a frequentare le attività didattiche indicate contestualmente alla valutazione, per le quali la partecipazione e/o il profitto sono risultati carenti. 
Gli allievi non ammessi che devono ripetere tutte le attività didattiche sono tenuti al pagamento dell’intera tassa annuale. Gli allievi che devono ripetere parte dell’attività didattica sono tenuti al pagamento di una tassa in misura della metà delle tasse previste per gli altri allievi dello stesso anno di corso secondo quanto previsto all’art. 6 del presente Regolamento.
 Al fine di favorire, a conclusione del primo biennio, un momento di riflessione sul processo formativo in corso, con particolare attenzione alle connessioni tra aree teoriche, Training ed esperienza clinica svolta nel tirocinio, gli allievi dovranno presentare un elaborato scritto che verrà discusso alla presenza di una Commissione nominata all’interno del CDS e costituita da almeno 3 membri. Tale elaborato individuale, dovrà esporre la riflessione su di una situazione clinica, con particolare attenzione a quegli elementi della relazione attinenti all’orientamento psicoanalitico cui si ispira la didattica della scuola. L’esito di questa prova concorrerà alla valutazione e all’attribuzione della votazione annuale, che sarà espressa dal Consiglio Direttivo di Sede sulla base della media dei giudizi ottenuti.
Si accede all’esame di diploma avendo saldato ogni pendenza economica con la Scuola.
L'esame finale di diploma prevede la presentazione e discussione di un elaborato scritto di argomento clinico nel quale gli allievi dimostrino di aver assunto in prima persona la responsabilità di condurre un trattamento terapeutico duale, gruppale o istituzionale coerente con il modello formativo espresso dalla Scuola e dal training di riferimento.
E’ facoltà del Responsabile di Training, sentito il relatore di tesi, rinviare la presentazione della tesi qualora la stessa non fosse ritenuta adeguata a rispondere ai requisiti indicati sopra.
Il relatore di tesi deve essere un docente della Scuola.
La relativa valutazione, unitamente al curriculum formativo, è fatta da parte di una commissione di cinque docenti della Scuola appositamente nominata dal Consiglio Direttivo di Sede. Ciascun membro della Commissione avrà a disposizione un punto e pertanto il voto di tesi non potrà superare i 5 punti. L'esito dell'esame di diploma verrà espresso in voti con un massimo di 50/50 ed eventuale segnalazione della "lode".
 Gli allievi ammessi all’esame di diploma, possono sostenerlo entro le due sessioni di diploma dell’anno senza alcun onere aggiuntivo. Nel caso intendano sostenerlo successivamente sono tenuti al pagamento di una tassa, per ciascuna annualità fuori corso, fissata annualmente dal Consiglio Direttivo Nazionale su proposta del Consiglio Esecutivo della C.O.I.R.A.G..
 
3. Analisi Personale
Si riporta il testo relativo dell’art.16, 3.2 dell’Ordinamento: 
La Scuola ritiene essenziale per lo specializzando una completa esperienza di psicoanalisi o di psicoterapia ad orientamento psicoanalitico in setting individuale o di gruppo da effettuarsi comunque, da parte dell’ allievo, a livello privato, sia come decisione che come contrattualità di setting ed economica. 
L’analisi personale va iniziata al più tardi durante il I anno di corso. La scelta dell’analista è libera rimanendo tuttavia all’interno del paradigma psicoanalitico, sia come teoria che come procedure di setting. 
L’allievo ne dà comunicazione al proprio Responsabile di Training indicando il nome dell’analista, la Società di appartenenza e le caratteristiche del setting concordato. Il Responsabile di Training comunica queste notizie alla Sede che ha il compito di costruire e conservare il fascicolo curriculare dell’allievo. Il Responsabile di Training è l’unica persona autorizzata ad affrontare con l’allievo problematiche eventuali che possano sorgere nel corso dell’ esperienza e dovrà essere informato sul numero di ore di analisi effettuate prima della richiesta di ammissione all’esame di diploma. Esse dovranno essere attestate e non potranno essere in numero inferiore a quanto previsto dagli standard nazionali e internazionali riconosciuti dalle O.C. della COIRAG.
 
4. Sospensione della partecipazione, passaggio di Training o trasferimento ad altra Sede.
Su richiesta scritta degli allievi, per motivate esigenze degli stessi, è possibile sospendere la partecipazione alle attività didattiche per un massimo di tre anni consecutivi di sospensione . 
Ciascun C.D.S. , valutate le motivazioni dell'allievo, ha facoltà di concedere tale sospensione. 
All'atto della ripresa delle attività didattiche, oltre ad integrare il pagamento delle eventuali rate fino all'intera quota annuale, l'allievo dovrà versare una tassa per ogni anno di sospensione, quale deliberata dal Consiglio Esecutivo su proposta del Consiglio Direttivo Nazionale. 
La sospensione per maternità non comporta il pagamento di alcuna tassa di sospensione per un anno, ma deve essere comunicata per iscritto prima dell'inizio della stessa al competente C.D.S., il quale ne prende atto. 
Gli allievi che desiderino trasferirsi ad altra Sede dovranno presentare domanda al Direttore della Sede di appartenenza, a quello di afferenza ed al Preside entro e non oltre il 30 novembre dell’anno precedente. E’ vincolante la disponibilità di posti per l’anno di riferimento secondo i vincoli Ministeriali. 
E’ possibile richiedere il trasferimenti tra Training delle O.C. interni alla stessa Sede solamente entro i primi due anni di corso ed entro il 30 novembre dell’anno precedente al nuovo anno accademico. L’allievo dovrà inoltrare al Direttore di Sede domanda scritta allegando il nulla osta del responsabile dei training di uscita e di quello di ingresso. Il C.D.S. ratifica tale procedura. Situazioni particolari devono essere valutate ed autorizzate dal Consiglio di Sede con ratifica successiva del Preside e del Presidente della C.O.I.R.A.G.
 
5. Passaggio da un’altra Scuola riconosciuta.
Sulla base di quanto previsto dall’art. 7 comma 5 del DM 509/98 è possibile l’immatricolazione da altra Scuola riconosciuta con i seguenti vincoli: 
a) La scuola deve avere affinità epistemologica e modellistica 
b) Deve essere disponibile per l’anno di immatricolazione, presso la Sede richiesta, un posto libero entro quelli concessi dal Ministero. Non è possibile iscrizione in soprannumero.
c) Il candidato deve presentare domanda di ammissione alla scuola, corredata di:
·       copia di un documento di identità e due fotografie formato tessera del candidato
·       certificazione di laurea con menzione degli esami sostenuti e copia della tesi e/o di eventuali pubblicazioni edite a stampa
·       certificato di iscrizione all’ordine
·       certificazione attestante il superamento dell’anno di corso presso altra scuola riconosciuta, con specificazione dei contenuti del percorso formativo
·       qualsiasi altra certificazione atta a documentare l’esperienza del candidato
·       copia della ricevuta di avvenuto versamento della tassa dovuta per le procedure di selezione.
·       indicazione della Organizzazione Confederata presso la quale intende effettuare il Training professionalizzante.
d) Il Consiglio di Sede, a seguito di colloquio del Direttore con il candidato, valuta l’insieme della situazione e propone l’anno di immatricolazione ed eventuali apprendimenti integrativi
e) Per gli allievi già specializzati presso altra scuola riconosciuta, è possibile un’abbreviazione di corso e l’iscrizione al 2° biennio, previa valutazione della necessità di apprendimenti integrativi, se sono rispettate le condizioni previste ai punti a) e b)
f) La relativa delibera deve essere controfirmata per approvazione dal Presidente e dal Preside della C.O.I.R.AG.
 
6. Tasse di frequenza.
La tassa annuale da diritto alle seguenti prestazioni:
·       Frequenza a tutte le attività didattiche dell’anno di corso
·       Assicurazione personale sugli infortuni e sulla Responsabilità Civile
·       Abbonamento alla rivista nazionale della COIRAG “GRUPPI
Ogni ulteriore costo non espressamente indicato è a carico dell’allievo. Rimangono a carico dell’allievo i costi di viaggio e soggiorno relativi alla partecipazione al Workshop Nazionale residenziale per ogni anno di corso nella sede annualmente indicata.
Le tasse annuali suddivise in quattro rate:
·       la prima da versare all’atto dell’immatricolazione, per il 1° anno, ed entro il 15 gennaio per gli anni successivi
·       la seconda entro il 30 aprile,
·       la terza entro il 30 giugno,
·       la quarta entro il 30 settembre.
·       Per tutte le rate la data di valuta del bonifico deve coincidere con la data di scadenza o essere anteriore alla medesima.
Possono subire annualmente adeguamenti, su proposta del Consiglio Direttivo Nazionale sulla base degli indici ISTAT. La delibera del Consiglio Esecutivo verrà ratificata in Assemblea.
La tabella riassuntiva delle tasse va ogni anno inviata dal Preside al Webmaster per la pubblicazione sul Sito. 
Eventuali ritardi nelle scadenze dei versamenti saranno gravati di penale per ritardato pagamento. Trascorsi tre mesi di ritardo dalla data fissata per il pagamento di ciascuna rata il Direttore ha facoltà di sospendere l’allievo dalla partecipazione all’attività didattica. 
Gli allievi non in regola con i pagamenti alla data di conclusione delle attività didattiche annuali non possono essere ammessi agli anni successivi o all'esame di diploma.
 
 7. Docenza dei corsi
Tutte le attività didattiche della scuola devono essere informate a metodi di formazione coerenti con i modelli di apprendimento esperienziali e gruppali, e con metodi di formazione che facilitano la partecipazione attiva, l'elaborazione critica e autonoma dei concetti e del pensiero, lo sviluppo di prassi e competenze professionali flessibili.
I docenti della Scuola sono scelti tra Professori di ruolo e Ricercatori delle Università italiane e straniere, ovvero tra Professionisti con specifica qualificazione nel settore della psicoterapia (con non meno di 5 anni di iscrizione agli Elenchi) e nei settori disciplinari ad essa collegati, che presentino altresì requisiti di competenza nell'attività formativa. I requisiti sono evincibili da certificazioni e curricula depositati presso le Sedi. Gli stessi requisiti sono vincolanti per le funzioni interne dei C.D.S.: direttore, responsabili di biennio e di Training, responsabili di Sede al CDW, delegati dei presidenti di O.C. Sono parimenti vincolanti per ogni funzione centrale della Scuola: preside, vicepreside, responsabile amministrativo, responsabile del Workshop, docente del Workshop (non per osservatori silenziosi del WS stesso).
Eventuali compiti di tutoraggio, inteso come affiancamento all’attività di docenti ufficiali, esulano dalla presente regolamentazione e vengono approvati nel programma didattico generale delle singole Sedi.
Tale compiti, se svolti per almeno tre anni, si costituiscono come titolo valutabile per un’eventuale docenza 
In particolare, i Docenti responsabili di Biennio, i Responsabili di Training delle Organizzazioni Confederate saranno scelti, oltre che per le loro competenze specialistiche, tenendo conto anche delle loro competenze nella progettazione, nel coordinamento e nella valutazione d’interventi formativi. Ad essi è fatto carico di presentare per iscritto i programmi di organizzazione e di formazione dello specifico settore corredati di definiti obiettivi formativi con il numero delle ore di insegnamento previste, di articolazione e contenuto dei programmi, di espliciti criteri e modalità in base ai quali avverrà la valutazione di partecipazione e/o profitto degli allievi. 
Compete ai Responsabili di biennio la designazione annuale dei docenti per gli insegnamenti teorici e la loro convocazione  almeno due volte l’anno.
Compete ai Responsabili di Training la designazione annuale dei docenti delle aree professionalizzanti a responsabilità delle O.C. Programmi e designazioni saranno sottoposti all'approvazione del Consiglio Direttivo di Sede e proposti al Consiglio Direttivo Nazionale. 
Compete al Direttore del W.S. Nazionale la designazione annuale dei docenti interni del W.S. in accordo con il Direttivo Nazionale del WS. Programmi e designazioni saranno proposti al Consiglio Direttivo Nazionale
Ciascun docente, sia degli insegnamenti teorici che delle attività professionalizzanti, curerà la registrazione delle presenze degli allievi ed a conclusione di ciascuna attività didattica invierà al Direttore della Sede di competenza una scheda sulla quale sono registrate le valutazioni degli allievi, unitamente alle relative presenze.
Il Consiglio di Sede eserciterà un monitoraggio sull'efficacia formativa dei Docenti, tramite la raccolta sistematica di elementi di valutazione sia direttamente espressi dagli allievi, che rilevati tramite indicatori dei risultati formativi conseguiti.
Particolari problematiche saranno sottoposte al Preside per un suo parere vincolante.
 
8. Corsi teorici

8.1 Articolazione degli insegnamenti
I corsi teorici, articolati nelle aree e negli insegnamenti previsti nell’Ordinamento della Scuola  (art. 16, 3.1) avranno la durata di almeno 400 ore complessive distribuite secondo la tabella di cui al seguente punto 8.2. 
Gli insegnamenti si articoleranno annualmente per almeno 100 ore annue, secondo lo schema di cui al successivo punto 8.3. 
Le Sedi potranno decidere variazioni allo schema degli insegnamenti nel senso di abbinare la frequenza allo stesso insegnamento per studenti di diversi anni di corso. In ogni caso la frequenza ai corsi non potrà prevedere un numero di studenti superiore a 30. 
Il bilancio della scuola terrà conto del diverso numero degli studenti presenti nelle Sedi in modo da assicurare la necessaria copertura economica.

8.2 Aree didattiche e insegnamenti
a) Area degli Insegnamenti di base: 
1) Psicologia Generale e dello Sviluppo ore 16 
2) Psicologia Sociale e Antropologia ore 20 
3) Storia e Indirizzi della Psicoterapia ore 12 
4) Epistemologia ed Etica della Psicoterapia ore 12 
b) Area di Psicologia Clinica e Psicopatologia: 
5) Psicopatologia Generale e Clinica ore 36 
6) Psicodiagnostica e Colloquio Clinico ore 24 
7) Clinica Psichiatrica con Elementi di Psicofarmacoterapia e Neurologia ore 24 
c) Area della Psicoterapia Individuale e di Gruppo: 
8)  Psicoterapia Individuale con Elementi di Valutazione ore 44 
9)  Psicoterapia di Gruppo con Elementi di Valutazione ore 44 
10)Psicoterapia individuale e di gruppo dell’Età Evolutiva e della Adolescenza ore 24 
11) Psicoterapia della Coppia e della Famiglia ore 20 
12)  Psicoterapia multimodale delle Psicosi e Psicoterapia nei Contesti Istituzionali ore 36 
d) Area dei Modelli e delle Tecniche di Gruppo : 
13) Gruppo-analisi ore 26 
14) Psicodramma Analitico ore 26 
15) Psicosociologia e Analisi Istituzionale ore 24 
16) Metodologia dei Gruppi Speciali ed Omogenei ore 20

8.3 Anno di corso e insegnamenti
1° ANNO 
area  a) Psicologia Generale e dello Sviluppo ore 16 
area  a) Storia e Indirizzi della Psicoterapia ore 12 
area  b) Psicopatologia Generale e Clinica ore 36 
area  c) Psicoterapia Individuale con Elementi di Valutazione ore 44 
2° ANNO 
area a) Epistemologia ed Etica della Psicoterapia ore 12 
area b) Psicodiagnostica e Colloquio Clinico ore 24 
area a) Psicologia Sociale e Antropologia ore 20 
area c) Psicoterapia di Gruppo con elementi di valutazione ore 44 
 3° ANNO 
area  b)  Clinica Psichiatrica con Elementi di Psicofarmacoterapia e Neurologia  ore 24 
area  d) Psicosociologia e Analisi Istituzionale ore 24 
area  d) Psicodramma Analitico ore 26 
area  d) Gruppo-analisi ore 26 
4° ANNO 
area  c) Psicoterapia della Coppia e della Famiglia ore 20 
area  c)Psicoterapia individuale e di gruppo dell’Età Evolutiva e della Adolescenza ore 24 
area  c) Psicoterapia multimodale delle Psicosi e Psicoterapia nei Contesti Istituzionali ore 36 
area  d) Metodologia dei Gruppi Speciali ed Omogenei ore 20
 
9. Incompatibilità nei ruoli e funzioni
Sono incompatibili le cariche di:
·               Membro del Consiglio Esecutivo della C.O.I.R.A.G.
·               Direttore di Sede
·               Direttore del W.S. Nazionale
·               Presidente di O.C.
·               Responsabile del Training di O.C.
·               Responsabile di Biennio
Le attività formative che comportano la valutazione dell’allievo da parte del docente sono incompatibili con la funzione di analista personale. Ciò vale anche per le attività che comportano frequentazione non occasionale. Medesima norma di salvaguardia vale per l’incompatibilità tra analista personale e supervisore nelle attività formative della Scuola.

9.1 Supervisioni integrative
La scuola mette a disposizione un elenco di supervisori di sede con i quali gli allievi potranno fare supervisione individuali o in piccoli gruppi (massimo tre) a un prezzo definito dalla scuola che sarà indicato di anno in anno. Chi ne usufruisce potrà utilizzare trenta delle ore di supervisione al posto delle trenta ora integrative previste dal regolamento. Le supervisioni verranno pagate direttamente dagli allievi ai supervisori.
I supervisori potranno essere liberamente scelti da un elenco disponibile presso ogni sede della scuola costruito su indicazioni delle OC.
Il ruolo di supervisore è incompatibile con quello di supervisore del training dell’anno in corso, con il ruolo di analista e con i ruoli di direttori di sede e di responsabile di training.
Per il 2012 i costi delle supervisioni sono stabiliti:           
-30 euro per 45 minuti di supervisioni individuali.
-20 euro a testa per un gruppo di supervisione di un’ora e mezza.           
 
10. Modalità di elezione dei rappresentanti degli allievi al C.D.S.
Le elezioni sono convocate dal Direttore di Sede entro il 28.02 di ogni anno di corso e avverranno, a cura degli studenti, nei locali messi a disposizione dalla Scuola. Gli allievi di ciascun anno eleggeranno un loro Rappresentante al CDS e si faranno carico di comunicare al Direttore di Sede i nominativi dei Rappresentanti eletti. I Rappresentanti restano in carica un anno e sono rieleggibili. I nominativi dei candidati eletti verranno trasmessi dal Direttore di Sede al Consiglio esecutivo, per la delibera di sua competenza. 
Qualora dovessero sorgere problemi di incompatibilità (Art.9) è competenza del CE deliberare in merito.
 
11. Ammissione nuovi training CDS di Sede
11.1. Ogni consociata C.O.I.R.A.G. ha diritto ad essere presente in almeno una Sede.
11.2. Non devono essere previste più di 4 consociate per sede, tuttavia, qualora, dopo un intero corso di studi (4 anni) la Sede non saturi tutti i posti assegnati, va prevista l’apertura ad altra Consociata.
11.3. E’ criterio preferenziale l’integrazione della Consociata che fa richiesta nella rete territoriale.
11.4. Il Presidente dell’Associazione interessata ad accedere ad una Sede con il proprio programma di formazione, ne fa richiesta al direttore della Sede coinvolta che ha il compito di istruire la pratica e di trasmetterne copia al Preside della Scuola di Specializzazione e al Presidente Coirag.
La domanda dovrà essere corredata di:
·               Documentazione contenente lo Statuto ed il Regolamento dell’associazione;
·      Programma articolato del training di formazione contenente l’esplicitazione di obiettivi, metodi e strumenti di valutazione;
·               Elenco dei docenti coinvolti e organigramma dei funzionari proposti alla Sede;
·      Documentazione sulla organizzazione di una rete territoriale (con particolare riferimento all’inserimento di membri dell’Associazione presso istituzioni pubbliche e private socio-sanitarie, assistenziali e/o universitarie) e sulle iniziative pubbliche svolte sul territorio negli ultimi tre anni, anche in collaborazione con l’Associazione Coirag.
11.5. Il Direttore della Sede interessata ha il compito, previa discussione in CDS, di formulare un parere nel quale dovrà essere dichiarata la disponibilità ad accogliere il nuovo training e/o motivato con chiarezza l’eventuale rifiuto, i requisiti carenti e i tempi ritenuti idonei a raggiungerli.
11.6. Il Direttore della Sede dovrà trasmettere tale documentazione al Preside della Scuola che dopo averne discusso nel CDN, al fine di acquisirne il parere, la porterà in Consiglio Esecutivo per la delibera che verrà sottoposta a ratifica assembleare.
11.7. Ogni consociata presente in una sede si impegna a partire dal 2011 a continuare la propria attività formativa presso
la sede solo se raggiunge il numero di 6 allievi sui 4 anni di corso. In caso contrario porta gli allievi a concludere il
percorso iniziato e si impegna a sospendere le nuove iscrizioni se in misura minore di 4 allievi al primo anno successivo.
11.8. Se per 2 anni consecutivi una consociata non ha allievi che frequentino il proprio training professionalizzante
deve chiudere il proprio training.
11.9. Ogni consociata che attivi il proprio training (a partire dal 2011) presso una delle sedi per continuare la propria
attività formativa deve avere almeno 6 allievi nel primo biennio di attivazione del training.
Qualora dopo 2 anni di presenza del training nella sede questo requisito non fosse raggiunto, la consociata
dovrà rendersi disponibile a far confluire i propri allievi su uno degli altri training presenti nella sede.
Per riattivare in futuro il proprio training presso la stessa sede, la consociata dovrà seguire la procedura di accesso alla
sede descritta nei commi da 1 a 5 di questo stesso articolo del regolamento.
11.10. I commi 7,8,9 del presente articolo possono essere derogati su delibera del Consiglio Esecutivo.
11.11. Eventuali conflittualità potranno essere sottoposte alla valutazione della Commissione deontologica.
 
12. Norma Generale
Il presente Regolamento può essere integrato da proposte del Consiglio Direttivo Nazionale, deliberate dal Consiglio Esecutivo e ratificate dall’Assemblea o da proposte del Consiglio Esecutivo da sottoporre a parere del Consiglio Direttivo Nazionale ed a ratifica assembleare . 
Le delibere di cui al comma precedente vanno comunicate ufficialmente dal Preside ai funzionari della Scuola tenuti a garantirne l’ applicazione e agli specializzandi dai Direttori, per ciò che è di loro competenza. Vanno parimenti comunicate dal Preside al Webmaster per la pubblicazione sul sito C.O.I.R.A.G. quali note integrative ma ufficiali del Regolamento.

Allegato Tasse 2012
 
La quota delle tasseannuali, la penale per ritardato pagamento possono subire adeguamenti annualisu proposta dal Consiglio Direttivo Nazionale della Scuola e deliberadell’Assemblea della COIRAG. Verranno comunque riportate, anno per anno, incalce al presente Regolamento.