Abbecedario di Psicodramma freudiano

Abbecedario di Psicodramma freudiano

La S.I.Ps.A (Società Italiana di Psicodramma Analitico) è una delle nove Associazioni che aderisce alla Coirag e alle sue finalità statutarie proponendo un modello di intervento clinico e di formazione specifico:  lo Psicodramma analitico freudiano. […] Nello psicodramma si interpreta una rappresentazione immaginaria, ma non qualsivoglia rappresentazione. Si evocano dei personaggi, ma non personaggi qualsiasi. La scena immaginata è sempre la riproduzione di una scena vissuta nel passato, passato lontano o recente, e i personaggi scelti non sono altro che rappresentanti di personaggi reali: padre, madre, fratello, collega, marito, ecc. che sono relamente vissuti e che vengono evocati. Non ci si sbaglia sulla persona o sulle persone. I membri del gruppo si prestano al gioco, ma per loro tramite, l’attore principale si rivolge alla sua vera madre, al suo vero amamnte. Sono dunque sostituti provvisori investiti del desiderio inconscio. Sono stati scelti in funzione di sentimenti reali che ispirano, fiducia o diffidenza, paura o simpatia. Ma questo reale permette solo il transfert da una persona al suo sostituto. Affinché lo psicodramma sia terapeutico (come l’analisi, del resto) bisogna che il sostituto rimanga tale e non prenda il posto di una persona reale” (Lemoine 1972, pp. 29-30).

Recentemente è stato predisposto un abbecedario  le cui voci raccolte vogliono fornire uno strumento di approfondimento e un ausilio nella comprensione dei termini fondamentali che costituiscono il quadro di riferimento epistemologico dello psicodramma analitico freudiano. Nella costruzione di ciascun lemma si è fatto riferimento ai testi specifici, che si possono consultare cliccando qui. “