Il modello scientifico/clinico della Scuola si colloca nell’ambito della psicoterapia ad orientamento psicoanalitico privilegiando un vertice analitico di gruppo (Gruppoanalisi, Psicodramma Analitico, Analisi Istituzionale).

Ogni anno sono previste 500 ore di attività formative con la formula “week-end”.  Di queste 500, 170 ore sono da intendersi come ore di tirocinio in strutture convenzionate.

Le competenze psicoanalitiche, per la loro natura, possono essere efficacemente trasmesse solo attraverso lo sviluppo di una particolare qualità del legame di apprendimento tra formatori e formandi. È questa rete di relazioni affettivamente investite che rende possibile passare dal semplice sapere (ambito delle conoscenze) al saper fare e saper essere (ambito delle competenze e attitudini).

La Scuola COIRAG persegue questa finalità attraverso una metodologia formativa improntata al rimando circolare tra clinica e teoria e sull’uso del gruppo come strumento cardine di elaborazione e apprendimento comune

Tutte le attività didattiche della scuola sono informate a modelli di apprendimento esperienziali e gruppali, con metodi di formazione che facilitano la partecipazione attiva, l’elaborazione critica e autonoma dei concetti e del pensiero, lo sviluppo di prassi e competenze professionali flessibili.

Comprende insegnamenti specifici nell’area della Psicologia Clinica, della Diagnosi e della Psicopatologia, delle Psicoterapia psicoanalitica individuale e di gruppo e dei modelli analitici caratterizzanti la Scuola (Gruppoanalisi, Psicodramma Analitico, Analisi Istituzionale). Prevede un rimando continuo dalla teoria alla clinica.

È uno spazio di elaborazione delle esperienze formative che gli allievi maturano nel complesso delle aree didattiche, esperienziali e cliniche. Il focus è posto sulla relazione che l’allievo e il gruppo classe nel suo complesso intrattengono con il particolare oggetto della “formazione alla psicoterapia”. Questa relazione si snoda lungo un percorso che  va dagli accadimenti che gli specializzandi attraversano negli spazi formativi all’evoluzione della rappresentazione mentale di professionista psicoterapeuta, e viceversa.  Il Coordinatore di anno, conduttore dell’attività di gruppo, svolge una funzione di vigile osservatore, accompagnatore e orientatore del processo formativo dal suo inizio alla sua conclusione.

Si tratta di un gruppo di formazione condotto con un assetto mentale di tipo analitico senza un “oggetto” o focus di lavoro specifico.  Accompagna la formazione nel primo biennio.  Lo scopo è consentire ai partecipanti di fare esperienza diretta cosa accade nella vita di un gruppo (quali fenomeni si verificano, quali processi appartengono peculiarmente al campo gruppale e come tali fenomeni evolvono nel tempo). In questo ambito formativo ciascun allievo potrà anche acquisire maggiore consapevolezza delle proprie modalità di relazionarsi in gruppo.

La supervisione prende in esame le situazioni cliniche (individuali e di gruppo) che gli specializzandi incontrano nei propri tirocini.  Si tratta di uno spazio di lavoro mirato all’approfondimento dell’analisi della domanda e dell’invio, della metodologia clinica del comprendere diagnostico, dei vincoli alla costruzione e gestione del progetto terapeutico, delle implicazioni istituzionali della pratica clinica, della psicopatologia e delle dinamiche affettive e relazionali attive nel campo co-transferale.

Dal secondo biennio della Scuola gli specializzandi fanno esperienza diretta della pratica di lavoro di gruppo, analiticamente orientata, attraverso il loro inserimento, in qualità di osservatori, all’interno di gruppi di psicoterapia, di formazione, psicosociali o di lavoro in contesti privati e istituzionali.  L’esperienza formativa, sotto la guida e la supervisione del conduttore del gruppo, permette allo specializzando di seguire “in vivo” l’evoluzione di un percorso di gruppo assumendone gradualmente, laddove possibile e opportuno, una responsabilità diretta in affiancamento.  L’esperienza e la sua rielaborazione permettono all’allievo di iniziare ad utilizzare in maniera avveduta, critica e clinicamente orientata le competenze di base sviluppate nelle attività didattiche ed esperienziali del primo biennio.

Il Workshop  è un modulo formativo a carattere esperienziale e intensivo che si articola in giornate residenziali consecutive a cui partecipano gli specializzandi di tutte le sedi  della Scuola. Ha lo scopo di promuovere approfondimento, dialogo e integrazione tra le prospettive psicoanalitiche e analitiche di gruppo che ispirano la formazione della Scuola e l’elaborazione scientifica della COIRAG. Ha luogo storicamente nella splendida ed evocativa cornice paesaggistica della collina che da Firenze sale verso Fiesole, presso il Centro Studi Nazionale CISL.

Il tirocinio consta di 170 ore annue ed è finalizzato a permettere esperienze dirette di apprendimento della pratica clinica in ambito psicoterapeutico e a promuovere e affinare conoscenze, competenze e attitudini tali da permettere una graduale, diretta, adeguata e controllata assunzione di responsabilità nella gestione dei percorsi di cura.  Si svolge in Enti e Servizi accreditati pubblici o convenzionati con il SSN ed è  accompagnato dai tutor istituzionali, oltre che dai momenti di riflessione intorno a tale esperienza previsti nel programma della Scuola.

Attività formativa trasversale ai diversi anni accademici. I seminari, in genere di una giornata, vertono su temi di alta rilevanza clinica e professionale, prevedono l’esemplificazione attraverso materiale clinico dei temi scientifici affrontati e vedono il coinvolgimento di relatori di profilo nazionale e internazionale.

E’ un piccolo monte ore annuo che si può utilizzare per partecipare a Seminari e Convegni e per approfondimenti specifici, teorici e clinici, che permettono di personalizzare l’esperienza formativa sulle necessità e le inclinazioni dello specializzando. Possono anche essere utilizzate dallo specializzando, a livello privato, come ore integrative di supervisione individuale o in piccolo gruppo con professionisti accreditati indicati dalla Scuola (supervisione extra-curricolare). Le attività integrative sono concordate tra lo specializzando ed il suo Coordinatore di Anno

Diventare Psicoterapeuti

I nostri docenti

I docenti della Scuola sono scelti tra Professori di ruolo e Ricercatori delle Università italiane e straniere, tra Professionisti con specifica qualificazione nel settore della Psicoterapia e nei settori disciplinari ad essa collegati.  In un’ottica di trasparenza e di tutela del processo formativo, i curricola professionali ed accademici dei docenti, depositati presso la Scuola, sono  consultabili.  Consulta le pagine sottostanti specifiche delle nostre Sedi per vedere lo staff di didatti dell'anno accademico in corso.

L'analisi personale

L’assunzione di responsabilità della cura analitica si radica anche nell’accuratezza con cui lo psicoterapeuta, fin dagli anni della sua formazione, impara a riflettere criticamente su di sé come persona e ad aver cura  del proprio processo maturativo. La Scuola quindi ritiene essenziale una completa esperienza di psicoanalisi o di psicoterapia ad orientamento psicoanalitico in setting individuale o di gruppo da effettuarsi a livello privato.  Il percorso analitico, qualora non già svolto prima dell’iscrizione alla Scuola, va iniziato al più tardi entro la fine del I anno di corso.

I testi di riferimento

Ogni insegnamento prevede una bibliografia che l'allievo riceve assieme al programma.  Autori storici di riferimento del modello teorico che ispira la formazione della Scuola COIRAG sono: S. Freud, C. G. Jung, S. Ferenczi,  S.H. Foulkes, W. Bion, J. Lacan,  J. Bleger, D. Winnicott, S.A. Mitchell, O. Kernberg, R. Kaës. Importanti ed originali contributi all’elaborazione teorica/metodologica dell’analisi di gruppo sono venuti da autori italiani, molti dei quali, nel corso del tempo, membri dell’ Associazione COIRAG e docenti della Scuola.

Organizzazione della didattica