Introduzione alla teoria e alla clinica della psicoterapia psicoanalitica.

OBIETTIVI:

 

  • Conoscere i vincoli legislativi, etici e deontologici della professione psicoterapeutica.
  • Acquisire la conoscenza dei principi di base della psicoterapia e della psicopatologia psicoanalitica e familiarizzarsi con: la metodologia di raccolta, organizzazione e analisi  del materiale clinico; la formulazione psicoanalitica del caso; lo sviluppo di ipotesi diagnostiche.
  • Conoscere e riconoscere la specificità epistemologica e modellistica della prospettiva psicoanalitica trasmessa nella Scuola ed il suo percorso storico di elaborazione teorica.
  • Iniziare a distinguere i processi e le potenzialità terapeutiche specifiche di una psicoterapia individuale e di una psicoterapia di gruppo.
  • Saper entrare in relazione con i contesti istituzionali del tirocinio, comprenderne gli aspetti organizzativi e sostenere attivamente e responsabilmente le funzioni affidate.
  • Saper riconoscere gli obiettivi ed utilizzare in maniera specifica la funzione e il focus formativo di ciascuna delle attività didattiche ed esperienziali offerte dalla Scuola.
  • Sviluppare una disposizione interiore all’osservazione e all’ascolto, anche di sé in situazione, come base del processo del comprendere in psicoanalisi.
  • Maturare gradualmente una posizione/assetto mentale funzionale ad avviare la transizione, sociale e rappresentazionale, da psicologo/medico a psicoterapeuta.
  • Psicologia generale e clinica
  • Psicologia dello sviluppo
  • Processo diagnostico e costruzione del progetto terapeutico
  • Psicoterapia psicoanalitica individuale
  • Psicoterapia psicoanalitica di gruppo
  • Discussione casi clinici
  • Gruppo di tutoring
  • Gruppo esperienziale in assetto dinamico

Cosa dicono i coordinatori del 1° anno

Daniela Lo Tenero: "Con l'ingresso al 1° anno gli allievi incontrano insegnamenti di base e cominciano a mettere le basi del trattamento dei casi clinici con il supporto dei docenti e dell'esperienza di tirocinio".

Mimma Dina:  “Per le matricole della Scuola Coirag, cominciare il nuovo percorso scolastico significa iniziare a sentire di appartenere a un gruppo, anzi a più gruppi, perché con l'avvio delle attività didattiche, tirocinio, esperienze residenziali si attraversano in realtà più dimensioni gruppali.”

Gianluca Cerutti: “Come referente del primo anno è per me motivo di stimolo e altrettanta responsabilità, accogliere il prezioso bagaglio di aspettative e desideri, dubbi e paure che l’avvio di ogni viaggio importante reca con sé. Un percorso in gruppo, che si dispiegherà e comprenderà a pieno solo strada facendo”

Giovanna Borsetto:  “Il 1° anno rappresenta il momento fondativo del gruppo-classe, con tutte le complessità, e le dinamiche specifiche che questo comporta; si fondano  il gruppo di lavoro e l'identità di gruppo e da lì si muoveranno nuove matrici di senso”.

Paola Cavani: "Avviare il percorso di specializzazione all'interno della Scuola Coirag significa imparare a pensare il gruppo come strumento di lavoro e la gruppalità come paradigma di lettura degli accadimenti istituzionali, clinici e personali, in un costante rimando fra ciò che accade nei contesti formativi che l'allievo attraversa e il proprio mondo interno”.